Home / Arte / Come arredare la casa con i quadri
arredare quadri

Come arredare la casa con i quadri

Come arredare la casa con i quadri

Ogni singolo ambiente della nostra casa, dal salotto alla cucina, dalla camera da letto al bagno, ha il suo quadro di riferimento, che donerà quel tocco di design e di colore che da sempre stavate cercando. Ma quali sono le proposte più adatte e le regole per appendere i quadri?

I quadri sono il complemento di arredo che più di ogni altro riesce a dare il giusto valore a una casa, a renderla unica dandogli carattere e personalità. Bisogna prestare molta attenzione nella scelta di un quadro perchè esso non solo arreda, ma esprime la nostra personalità. Scegli i quadri tenendo conto dei colori dell’arredamento e dell’atmosfera che volete creare.

Tiziano Vudafieri, 56 anni, architetto dello studio milanese Vudafieri Saverino Partners, ha progettato varie abitazioni fondendo arte (di cui è collezionista), architettura e arredamento. «Ho fatto case di grandi collezionisti, gente con un Damien Hirst sul camino e un Anish Kapoor in ingresso, ma anche abitazioni con opere di giovani artisti con quotazioni abbordabili».

Ma a chi vuole iniziare a comprare arte senza svenarsi, magari con il solo scopo di decorare casa, che cosa consiglia? «Nell’allestimento direi di privilegiare i contrasti all’omogeneità», continua Vudafieri. «Per esempio accostare un quadro figurativo a un astratto monocromo, e mai abbinare il colore del divano a quello del quadro. Quanto al divano, è bello appendergli un quadro sopra, ma quando ci si siede non lo si vede: pensiamo a quali sono gli angoli dimenticati, quali porzioni di muro vuote potrebbero ospitare un’opera. Se però si è interessati più alla decorazione, ci sono soluzioni economiche: basta intelaiare un pezzo di tessuto di Gio Ponti o un rettangolo di carta da parati, oppure incollarlo sul muro, l’effetto è assicurato».

È il caso di ricordare che di solito un quadro è un oggetto egocentrico, che vive anche da solo. Dunque capita di dover partire dall’opera, se è bella o se ci piace molto, perché dominerà l’ambiente a prescindere dall’arredamento.

Lo conferma il designer e architetto Ferruccio Laviani: «Mi hanno chiesto spesso progetti di interior design per valorizzare una o più opere d’arte. In questi casi è l’ambiente a ruotare intorno all’opera. Per esempio si fa in modo che lo sguardo si focalizzi sul quadro: mi è capitato di dover dare risalto a un’opera di Anselm Kiefer. L’ho messa nell’ingresso creando una sorta di cono visuale che convogliava lo sguardo al quadro».

Se scegli un quadro dalle grandi dimensioni, sistematelo in un’unica parete in modo da valorizzarlo ancor di più. Adattate il quadro all’arredamento circostante, non tanto per il colore, quanto invece per lo stile e le cornici. Un quadro dal soggetto classico, infatti, non si addice ad un ambiente in cui l`arredamento è high tech o moderno, mentre invece si incastra alla perfezione in ambienti dallo stile tradizionale e classico.

Arreda la tua casa creando il tuo quadro personalizzato:

creare quadri online

Guarda Anche

QUALI SONO I QUADRI PIU' VENDUTI AL MONDO?

QUALI SONO I QUADRI PIU’ VENDUTI AL MONDO?

QUALI SONO I QUADRI PIU’ VENDUTI AL MONDO? I quadri sono da sempre delle opere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *